SCEGLI COME DONARE

LA CASA DEGLI AFFETTI

Adotta gli arredi del giardino e i nuovi spazi della Casa dei Gelsi.

CLICCA QUI

CONTRIBUISCI
ALLA CURA DEL PARCO

Un tuo contributo per la manutenzione del giardino.

CLICCA QUI

Rimanere insieme

Un progetto di accoglienza per accompagnare persone e famiglie nell'elaborazione del lutto.

Il progetto è aperto a tutti ed è gratuito.

Parliamo di un progetto importantissimo nella rete dei servizi dell'associazione, che offre la possibilità di partecipare gratuitamente a colloqui individuali e di gruppo ed ai gruppi di auto mutuo aiuto, nei quali ciascuno può portare la propria esperienza e trovare nel gruppo ascolto e sostegno.

Un progetto magnificamente coordinato e gestito dal dottor Luigi Colusso e dal suo staff, le dott.sse Annalisa Moretto, Paola Fornasier, Tiziana Calligaris, Lia Liguori e dai volontari Maria Augusta de Conti, Famiano Zambon, Rita Cagnin e Paola Fantin.

 

Hai bisogno di Rimanere Insieme?  clicca o telefona al numero: 0422/358340..

Rimanere Insieme svolge la sua attività all'interno dell'Hospice Casa dei Gelsi.


News da Rimanere Insieme!

VI Corso di Forma zione - “Perdite e lutti come opportunità di crescità per l’età scolastica”
È stata un’esperienza davvero coinvolgente quella che ha interessato una quarantina di operatori della scuola (insegnanti, collaboratori, psicologi, catechiste…) a mettere a fuoco il tema del lutto e della sua rielaborazione, con un’ottica particolare al mondo della scuola e di chi vi opera attivamente. Educare alla finitezza della vita, avere consapevolezza di come il mondo adulto e il mondo dei bambini e dei ragazzi si rapporta con questa scottante tematica , cogliere e pensare alle risposte che la scuola può offrire in tali situazioni sono stati alcuni degli spunti di riflessione che i bravissimi relatori hanno offerto ai partecipanti. I quali per confrontarsi e riflettere hanno dovuto innanzitutto indagare dentro se stessi e ritrovare la propria idea di morte e lutto, spesso frutto di esperienze faticose e dolorose che hanno lasciato il segno nella propria esistenza.
Un grazie doveroso a quanti hanno pensato e proposto questo percorso, e si operano a supporto di situazioni così difficili da affrontare; un grazie speciale a tutti i facilitatori dei gruppi che hanno permesso a ciascuno di condividere quanto potevano e riuscivano, anche in situazioni molto emozionanti e dolorose.
Un grazie ai testimoni (ragazzi, insegnanti, operatori) che hanno portato la loro esperienza vissuta. Infine un grazie a tutti i partecipanti perché sono stati in grado di mettersi in gioco, in questa “avventura” per cercare di avere consapevolezza della percezione della propria vita e di quella delle presone che ci sono affidate dentro la scuola, e di confrontarsi in un clima di estrema sincerità e comprensione.
Una insegnante partecipante

 

hai bisogno di

ADVAR?

clicca qui